Prossimi eventi

Comunicato di Sinistra Per... sull'assemblea del 20 Ottobre

Oggi, nella giornata del 16 ottobre, si è riunito il consiglio comunale. Sinistra Per... davanti a Palazzo Gambacorti ha lanciato il secondo presidio nell'arco di una settimana sul tema di Santa Croce in Fossabanda; dopo una nostra interlocuzione con il presidente del consiglio comunale, con una mozione d'ordine presentata da Una Città in Comune, LA SEDUTA DEL CONSIGLIO È STATA SOSPESA E SI È PROCEDUTO AD UN'AUDIZIONE CON I CAPIGRUPPO DEI DIVERSI GRUPPI CONSILIARI. In quella sede, I RAPPRESENTANTI DI SINISTRA PER... HANNO ESPLICITATO L'IMPORTANZA DI GIUNGERE IN TEMPI RAPIDI AD UN ACCORDO SULLA DESTINAZIONE A CASA DELLO STUDENTE E MENSA DELL'IMMOBILE DI SANTA CROCE IN FOSSABANDA, CHIAMANDO LE DIVERSE PARTI POLITICHE AD UN CONFRONTO PUBBLICO, APERTO E TRASPARENTE, CHE SI TERRÀ LUNEDÌ 20 OTTOBRE ALLE ORE 18.30 NELL'AULA MAGNA DI PALAZZO SERAFINI.

Leggi tutto...
 

Ex Colorificio Liberato: un gesto creativo contro la crisi

Pubblicato su Alternative per il Socialismo  n. 33 Ottobre - Novembre 2014   

 Azioni e pensieri critici

  Ex Colorificio Liberato:
un gesto creativo contro la crisi

20121022_colorificio.jpg

Questa è una storia di liberazione.

È una storia che parla di cinquecento persone pronte a riaprire pubblicamente un luogo abbandonato, le stesse che diventeranno tremila quando - dopo soli 4 mesi - scenderanno in piazza a difenderlo, e dopo un anno saranno cinquemila, pronte a spingere sui cordoni di polizia per opporsi a una scelta ottusa e miope della magistratura. Questa è la storia di una rete di soggetti in cerca di spazio che si allarga fino a divenire uno dei centri nevralgici della discussione politica di movimento. Ma è anche la storia dell'arroganza di una proprietà che si fa scudo di leggi inattuali per soddisfare il proprio comodo. È una storia che parla di amministrazioni silenti, immobili e ostili al cambiamento. Ma è anche la storia di una comunità antica e nuova che si rafforza, cresce e combatte per un bene comune. Unita nelle differenze.

Leggi tutto...
 

IL CIELO E’ DI TUTTI

cielo_iusmigrandi.png

Dal 13 al 26 Ottobre saranno dispiegati 18.000 poliziotti allo scopo di intercettare sulle rotte dei migranti quelli che non hanno documenti. Si chiama Mos Maiorum l'operazione UE guidata dal Ministero degli interni italiano, che nasce proprio nel periodo di presidenza europea spettante all'Italia. Una vera e propria “caccia al clandestino” si apre dunque in questi giorni in Europa, e già si contano le prime vittime nei controlli iniziati nella capitale e in altre città italiane.
Un'operazione selvaggia contro persone che fuggono da situazioni di conflitto o povertà, o che semplicemente rivendicano la propria libertà a muoversi. Un'operazione che imbarbarisce ulteriormente la frontiera mediterranea che già è una delle più pericolose del mondo, con le sue migliaia di morti inghiottiti dal mare. E quelli che in mare non sono morti si troveranno oggi pure ad essere oggetto di questa nuova persecuzione, una delle tante, ma che risulta ancora più vergognosa giungendo a pochi giorni dalle commemorazioni del 3 Ottobre, quando le istituzioni italiane piangevano le centinaia di vittime a Lampedusa.
Questo tentativo di controllo dei confini dovrà comunque fare i conti con lo “Ius migrandi” affermato e difeso da tutte le associazioni e i collettivi che da giorni informano i migranti e monitorano i blocchi dei controlli. Azioni di cittadinanza basilare che sono il minimo di fronte alla persecuzione di chi non è certo un criminale, ma a cui manca soltanto un pezzo di carta.
#iusmigrandi
informiamo e sabotiamo Mos Maiorum!
MUNICIPIO DEI BENI COMUNI

 

16 ottobre 'Io sto con la sposa':

Municipio dei Beni comuni e cinema Arsenale
insieme per il film evento del 2014


preview.jpgIl Municipio dei Beni Comuni e il Cinema Arsenale di Pisa saranno insieme nella presentazione e nella promozione del film evento che giungerà domani, giovedì 16 ottobre, presso la sala di vicolo del Ruschi. Il lavoro di Antonio Agugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry, vincitore di ben tre premi all'ultima kermesse veneziana (premio FEDIC, premio Human Right's Nights e premio della critica sociale), racconta la paradossale odissea di cinque profughi palestinesi e siriani  sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra. Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri, però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un'amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un'Europa sconosciuta. Un'Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell'incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013. 

L'intera produzione del film è stata finanziata da una campagna di crowdfounding online sulla piattaforma Indiegogo, alla quale ha preso parte attiva anche il Municipio dei Beni Comuni di Pisa, sostenitore del progetto sin dalla prima ora. E così, dopo la conclusione dei lavori e l'ottima riuscita al festival veneziano, il Municipio dei Beni Comuni - grazie alla generosa disponibilità del cinema Arsenale - inaugurerà la prima cittadina di 'Io sto con la sposa', domani giovedì 16 ottobre alle ore 20, a ingresso gratuito e alla presenza di Gabriele Del Grande, che prenderà parte a un confronto con il pubblico a seguito della proiezione. 

x
Leggi tutto...
 

Verso lo sciopero del 14 novembre:

Giovedì 16 ottobre a fianco dei lavoratori della logistica.

20121130ikea.jpg

Il 16 ottobre i “facchini” di tutta Italia, sciopereranno per portare avanti una piattaforma generale di rivendicazioni. Per un'intera giornata i lavoratori, per la maggior parte migranti, di questo settore tanto strategico per l'economia contemporanea quanto oggetto di forte sfruttamento, incroceranno le braccia per chiedere maggiori diritti e salari: possibilità di scegliere se essere socio o lavoratore, malattia e infortuni pagati al 100%, pieno accesso agli ammortizzatori sociali. Sono ormai almeno tre anni che nella logistica si è sviluppato un movimento di lotta generalizzato e diffuso che, opponendosi al sistema delle cooperative, è riuscito a strappare migliori condizioni di vita e di lavoro.

Una lotta quella della logistica ancora più importante mentre il Governo Renzi con il Jobs Act prova a smantellare le ultime tutele rimaste all'interno del mondo del lavoro. 

Leggi tutto...
 

Stop T-tip dilaga in Europa

Martedì 14 ottobre, il viceministro all’Economia, Carlo Calenda, ha convocato a Palazzo Colonna, in piazza SS. Apostoli a Roma, un
ttip rebeldia
 evento con cena rivolto ai businessmen e all’imprenditoria con i ministri al commercio UE e i negoziatori del TTIP, il trattato che vuole trasformare l’Europa e gli Usa in un paradiso delle multinazionali, sopprimendo le norme in difesa dei diritti dei lavoratori, gli standard ambientali, mercificando i beni comuni e privatizzando i servizi pubblici locali.

Sostieni la mobilitazione di domani:

- Venendo in piazza il 14 ottobre e sostenendo il presidio a Roma, in Piazza Madonna di Loreto dalle 16 alle 20

- Rilanciando la mobilitazione via twitter a cominciare dalle 14 di domani martedì 14 ottobre
hashtag: #StopTTIP #BloccaTTIP indirizzi da inserire: @CarloCalenda @StopTTIP_Italia

- Diffondendo i temi della campagna sia da facebook https://www.facebook.com/StopTTIPItalia che dal sito http://stop-ttip-italia.net/

Il #14O su Comune-info: http://comune-info.net/2014/10/stop-t-tip-dilaga-in-europa/
 

Immobilfree - Svendita della Torre di Pisa

#Immobilfree non tutela i bisogni ma svende la proprietà. Grande offerta, la Torre di Pisa venduta a un turista per un piatto di lenticchie.


 

 

All'asta la torre di Pisa! Svenduta ad un turista.

Vi sorgeranno appartamenti di lusso e un parcheggio a gran richiesta degli abitanti della zona!



ImmobilFree (IF, per rimanere nei toni tanto cari a questa amministrazione comunale), agenzia immobiliare speciale.
E' l'Agenzia delle istituzioni, specializzata in svendite. Ad ImmobilFree si rivolgono il Comune di Pisa, L'Università, il Demanio, L'Azienda Ospedaliera Pisana.
Proprio ieri, in pieno fermento cittadino ha messo in “svendita” e fatto due importanti aste, che questa volta, grazie alla capacità dell'agenzia non sono deserte.

Leggi tutto...
 

Corso d'italiano Rebelde

Le lezioni avranno inizio lunedì 20 ottobre alle 17,30 presso il Circolo Alhambra.
corsoitaliano2014.jpg
 

#immobilfree non tutela i tuoi bisogni ma svende la proprietà

C'è un'immagine - legata a un fatto concreto, quanto drammatico e ingiusto - che meglio di altro simboleggia i nostri anni: è il colpevole abbandono di interi pezzi della nostra città.

L'abbandono è una prassi imposta con metodo scientifico da chi detiene la proprietà a discapito della comunità. Si abbandonano le fabbriche per tradurle un giorno in altro cemento; si abbandonano le case dove nessuno ha mai abitato così da consolidare cartelli onerosi sulla pelle di chi non possiede un'abitazione; si abbandonano i palazzi storici nella paradossale inosservanza di quella ricchezza diffusa nelle città italiane che viene dai beni storici e artistici; si abbandonano interi quartieri al loro destino, devastando tessuti urbani vulnerabili, microcosmi che sarebbero, al contrario, un naturale fronte contro la povertà e la sottrazione di beni che da questa deriva. Un laborìo piccolo piccolo, che diventa epocale.

Nei giorni in cui Pisa si fa 'vetrina' con lo sfoggio di strutture futuribili per l'Internet Festival, lanciando un messaggio fasullo di una città funzionale e aperta, noi diamo un significato diverso a quell'IF che da giorni viene riproposto ai cittadini quasi fosse la sigla di un appuntamento vitale. Il nostro IF vuol dire invece "Immobil Free", agenzia immobiliare alla rovescia, pronta a mettere sì in vetrina il degrado, lo sperpero, la chiusura ingiusta di spazi che potrebbero essere di tutte e di tutti, utili a un disegno solidale, al progetto di una città dalla parte dei bisogni dei propri cittadini, e che invee sono stretti nelle maglie del profitto di pochi.

A settembre avevamo annunciato che non sarebbe stato più sufficiente parlare di singoli spazi, 'lo spazio è la città', lo spazio riguarda la totalità delle cose, perché Pisa non è scissa dal mondo in cui viviamo e dalle sue contraddizioni. Come non lo è l'Italia, e le manovre che hanno contraddistinto l'esordio di una stagione forse ancora più dura di quella precedente. Da un lato la dismissione puntuale e selvaggia dello stato sociale, la violenta reprimenda dei diritti minimi dei lavoratori; dall'altro l'operazione populista del cosiddetto 'Sblocca Italia', la drammatica corsa in avanti prospettata dal governo Renzi, a discapito di quel dialogo tra le componenti di una comunità che è il sale stesso della democrazia, ma a vantaggio di chi detiene ricchezza e potere.

Tutto si tiene in una simile rete, come nella mappa di una città. Una città che oggi è Pisa, ma non quella fittizia, città dell'Internet Festival, di una presunta eccellenza che però non produce lavoro, né ricchezza, e che perpetua se stessa come in una fantasmagoria. Esiste una Pisa di ciò che è abbandonato e svenduto, di spazi sottratti alla cittadinanza, di vuoti da riempire, di piccole e grandi ingiustizie che è giunto il tempo di riportare a galla, di ridurre a qualcosa di vivo e pronto a soccorrere il bisogno di socialità, di cultura che una parte della città domanda a gran voce di soddisfare.

partiamo ora da piazza san martino, raggiungici
SEGUI #immobilfree #if2014 ‪#‎takethemoney‬ ‪#‎breaktherules‬ ‪#‎gogreen‬@difendirebeldia @radioroarr

 

Il Municipio dei Beni Comuni a fianco degli studenti contro il Piano Scuola di Renzi

 il comunicato di sostegno alla manifestazione indetta dal sindacato studentesco Unione degli Studenti che si svolgerà domani 10 ottobre su tutto il territorio nazionale e in particolare

a Pisa con concentramento alle 8:30 in Piazza Guerrazzi. 

 

Il Municipio dei Beni Comuni a fianco degli studenti contro il Piano Scuola di Renzi 

Il 10 ottobre 2014 sarà una giornata di mobilitazioni per le studentesse e gli studenti e di sciopero per i lavoratori e le lavoratrici, come primo momento di lotta contro il Piano Scuola di Renzi. Il Municipio dei Beni Comuni di Pisa scenderà in piazza in difesa della Scuola Pubblica, accanto a chi è oggi investito dalle norme ultraliberiste del Governo-Renzi. Non possiamo poi dimenticare il Jobs Act e lo Sblocca Italia, che al pari della “Buona scuola” manifestano a pieno il desiderio renziano di imporre dall’alto misure che favorendo i grandi patrimoni e i privati a scapito della cittadinanza, inaspriscono ancora di più la morsa della crisi.

Leggi tutto...
 

Il 10 Ottobre entra in scena!

Studenti in piazza in tutta Italia

 

Il 10 ottobre entreremo in scena. Non rimarremo spettatori passivi mentre si riforma la scuola e il mercato del lavoro contro i nostri bisogni e i nostri desideri. La Buona Scuola di Renzi è una scuola che apre le porte agli interessi delle imprese, che da più poteri ai presidi, che valuta e punisce docenti, studenti e scuole, che assume la competizione e le classifiche come unico fine, che si appiattisce alle esigenze di un mercato del lavoro che ha bisogno di manodopera a basso prezzo, precaria e senza diritti invece che vedere nei saperi un investimento per ribaltare l’attuale modello di sviluppo ormai sempre più insostenibile. Una “buona scuola” della precarietà, condizione che attanaglia le nostre generazioni e che ci impedisce di immaginare il nostro futuro.


Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 12 di 993
Joomla SEF URLs by Artio